ESPULSIONE STRANIERI CHE DELINQUONO: IN SVIZZERA VINCE IL Sì
ESPULSIONE STRANIERI CHE DELINQUONO: IN SVIZZERA VINCE IL S

In Svizzera, con il 52,9% e un’affluenza alle urne pari al 53% della popolazione, ha vinto il SÌ: è passata l’iniziativa dell’UDC per l’espulsione degli stranieri che commettono reati. Verrebbe da dire senza MA, visto che in contemporanea c’era un controprogetto, un decreto federale concernente sì l’espulsione e l’allontanamento, ma nel rispetto della Costituzione Federale. Cotroprogetto bocciato dal 54% dei votanti e non accettato in nessun Cantone. Altro discorso per l’iniziativa popolare per l’espulsione, respinta solo in cinque cantoni: Ginevra, Vaud, Giura, Neuchâtel e Basilea Città. 

 

Nel Cantone dei Grigioni, quindi, ha vinto il, Sì con 31.277 preferenze, con un’affluenza alle urne pari al 45,47% , anche se, visionando i dati, l’Alta Engadina (Oberengadin) è andata in controtendenza: ha vinto il "no", con 2438 voti contro i 2126 del sì, come pure nella Sur Tasna, che visto i no a quota 379 e i sì fermarsi a 362 e nella Suot Tasna, 587 contro i 527 di sì. 

Una particolarità nella Regione di Ramosch: a Ramosch 48 persone si sono espresse per il sì e lo stesso numero ha detto no. 


Data: 29/11/2010