GEROLASASS
GEROLASASS

Date dell'evento:
21 Giugno 2019
22 Giugno 2019
23 Giugno 2019

Un blocco di verrucano, una roccia antica tipica delle Alpi Orobiche e un grande climber, Simone Pedeferri. La storia del GEROLASASS nasce dall’immagine sulla locandina dell’evento. Tutto intorno un bosco silenzioso e protettivo di abeti, fitto e intorno altri massi, scuri e antichi.

Pedeferri è impegnato in un passaggio muscolare, prese svase, sfuggenti, lavoro per le spalle sulla breve parete, il boulder, il passaggio su masso aggettante e quest’immagine lancia ufficialmente in tutta Italia e nell mondo internazionale del climbing le qualità e i pregi anche ambientali dell’evento, un raduno con gare e musica in programma in Val Gerola dal 21 al 23 giugno.

Gerolasass è anche una nuova climbing area, "la seconda più vasta area per l’arrampicata su roccia in Valtellina", parola di Pedeferri, nume tutelare di Melloblocco, il raduno internazionale. 

 


Data: 22/05/2019
 
05/06/2019, 13:15
Main Sponsor

Gerolasass avrà come main sponsor Marmot, il marchio statunitense di sport outdoor e montagna, e WildClimb, specialisti nel settore delle scarpette da arrampicata. 

Emanuele Pellizzari, figura traino e responsabile area di Marmot Mountain Europe e product manager WildClimb, propulsore per le grandi manifestazioni climb&boulder in Italia, fighter per il mondo degli sport in verticale e sotto le cui ali protettive si sono potuti svolgere negli ultimi anni raduni top level spiega perché è stata presa questa importante decisione: "Come responsabile per l’Italia di Marmot, e come responsabile prodotto di Wild Climb ho il piacere di annunciare che saremo i main sponsor di questo evento che si tiene in Valtellina in questa estate.Al di là della usuale retorica che non mi contraddistingue spiego i motivi della nostra scelta. Complessivamente i due brand hanno già partecipato a più di 15 edizioni del principale evento boulder al mondo. Quando abbiamo visto la chance di dare una nuova possibilità a questo genere di raduni, non ci siamo tirati indietro. Se non li aiutiamo noi, chi altro lo dovrebbe fare? Inoltre abbiamo messo a disposizione dell’organizzazione, un budget per la promozione dell’evento in Italia e all’estero, e risorse umane per raggiungere questo scopo. Esorto anche altri brand, anche concorrenti, a fare lo stesso: tutta la comunità scalante guarda aGerolassas e non si dovrebbe fallire, questo tipo di eventi, sono la linfa vitale di ogni sport. Hanno organizzazione complessa, in certi casi artigianale e con poche risorse, però sono la giusta cosa da fare. Il posto è bello e mi è stato descritto come ’una gemma’. Un motivo in più per parteciparvi. In una manifestazione che, tra l’altro, abbina ’corda’ ai ’blocchi’".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

31/05/2019, 12:44
Gli organizzatori

Nuovi loghi, sponsor e media partner l’evento di arrampicata sportiva Gerolasass, che propone una formula speciale bouldering + corda.

Circa 200 passaggi boulder freschi di tracciatura, di difficoltà dal 3a all’8a+. Mentre, per quanto riguarda la corda, 50 tiri di lunghezza dai 10 ai 20 m. adatti all’arrampicata dei più piccoli, dei neofiti, arrivando fino all’8b/c econ progetti da liberare.

Come spiega Simone Pedeferri (nella foto), il top climber che, insieme a Cristian Candiotto sta valorizzando la bassa quota della Valgerola, "Gerolasass come sito ha tanto. Raramente si apre ex novo un’area di arrampicata che conta 200 passaggi boulder e 50 monotiri, con questa varietà sui gradi, su zone vergini. Abbiamo aperto tanto, sia massi sia vie e l’abbinamento bouldering più corda ci è sembrata una formula più viva e nuova. Sul format gara la classifica sarà solo per il boulder, con un superpremio per la corda. La manifestazione verrà svolta a raduno autocertificato". 

Sempre Pedeferri spiega gli aspetti più tecnici: "Con i blocchi gara di difficoltà progressiva, per le donne, 6c/7a la prima fascia, 7a/7b i blocchi centrali, poi 7b/7c+. Per gli uomini 7a/7b in avvio, dal 7b al 7c nella fase centrale e dal 7c in su per la terza fascia. E sui punteggi previsti, se sali flash guadagni un +. Le linee sono tutte di qualità, ci sono boulder come “Bucolico”, o “Black Panther” bellissimo passaggio con partenza straesplosiva e sopra da scalare, su un blocco alto.Tanto che lo volevo spittare, poi, calandomi dall’alto ho visto che la paretina sopra si poteva fare. Sotto è tirato. O “Capra Orobica” strapiombo stupendo di continuità, attraverso un tetto di cinque metri. In un ambiente bellissimo".

Gli organizzatori non risparmiano di ringraziare l’amministrazione comunale: "Non succede spesso che un Comune e un paese si aprano ad uno sport, che, qui, ad esempio, era praticato solo in quota. Trovare un paese che ci creda, che investa nel territorio. Vanno ringraziati. Il nostro movimento esiste anche perché ci sono spazi nuovi che catalizzano. Centri che innovano. E dal mondo della arrampicata la risposta di gradimento, va data. L’appuntamento è per il 21, 22, 23 giugno".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009