Rosa Genoni, da TIRANO all’EUROPA
Rosa Genoni, da TIRANO all’EUROPA

Date dell'evento:
17 Maggio 2018

 

La Sala Mostre di Palazzo Foppoli ospita dal 18 maggio al 17 giugno la mostra "Da Tirano all’Europa. Rosa Genoni 1867-1954", in occasione del 150° dalla nascita. "Una donna alla conquista del ’900 per la moda, l’insegnamento, la pace, l’emancipazione".

Nata a Tirano, Rosa Genoni è ricordata, oltre per essere stata una stilista di fama, per il suo attivismo contro la guerra e a favore delle donne. Una pioniera nel campo della moda: Ottenne un grande successo con il padiglione presentato all’Esposizione Internazionale di Milano del 1906 ottenne molto successo con il suo padiglione ed è celeberrima una sua dichiarazione: "Il nostro patrimonio artistico potrebbe servire di modello alle nuove forme di vesti e di acconciature, che così assumerebbero un certo sapore di ricordo classico ed una vaga nobiltà di stile […] Come mai nel nostro paese da più di trent’anni assurto a regime di libertà, in questo rinnovellarsi di vita industriale ed artistica, come mai una moda italiana non esiste ancora?". 

Prima dell’inaugurazione della mostra, è previsto presso la biblioteca Arcari un incontro introduttivo, alle 17.00, curato dalla nipote biografa Raffella Podreider e da Pierluigi Zenoni

(In programma anche:

- Convegno: Incontro con una donna straordinaria: Rosa Genoni, presso la Sala Consiliare del Comune di Tirano, sabato 9 giugno alle  10.00

- Intitolazione del Giardino "Rosa Genoni"  sabato 16 giugno alle  11.00)


Data: 16/05/2018
 
17/06/2018, 08:33
Inaugurato!

"Ieri abbiamo dato un nome a un giardino: Rosa Genoni. Nacque a Tirano e portò la sua terra d’origine sempre nel cuore. Ieri Tirano ha scitto il suo nome, il nome di una donna, per sempre nella sua toponomastica. Rosa Genoni partì da Tirano alla conquista del mondo. Molti giovani valtellinesi percorrono questa strada oggi. Per questo lei è un modello, un esempio da seguire di intraprendenza e coraggio, e di successo vissuto con uno spirito di generosità e solidarietà".

by Sonia Bombardieri, assessore a Cultura e Turismo del Comune di Tirano



cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

14/06/2018, 13:22
Un giardino per lei...

"Il Sindaco e l’Amministrazione tutta sono lieti di invitare la popolazione alla

cerimonia di intitolazione del Giardino Rosa Genoni

 La cerimonia si terrà sabato 16 giugno 2018 alle ore 11.00

nella ricorrenza del giorno della nascita, presso il Giardino

adiacente al campetto sportivo delle Scuole "L. Trombini" di Tirano

(Viale Cappuccini)"

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

19/05/2018, 18:03
Da visitare

Visitare la mostra significa ascoltare il racconto di chi davvero tiene alla figura di Rosa Genoni, ad appena 12 anni approdata a Milano non a studiare e basta, ma a lavorare come sarta, per imparare il mestiere. Una bambina: la mamma era Pini di cognome e oltre a lei ha avuto 17 figli. Raffaella Podreider, la nipote-biografa e suo marito raccontano la figura della Genoni con entusiasmo, senza tralasciare aneddoti che la dicono lunga sulla sua vita ma soprattutto sul suo pensiero, sui suoi valori difesi con grinta e sulla sua carriera, che oggi è ricordata in modo eccellente: è stata la "creatrice" del made in Italy. Lei, mentre in Francia arricchivano con rose i propri abiti, preferiva creare capolavori con i fiori lombardi applicati sopra. Vita privata, ideali e carriera sotto il segno di una forte personalità… Scoprite perché dalle parole della sua biografa e di suo marito... Una mostra da visitare. 

Sonia Bombardieri, assessore a Cultura e Turismo del Comune di Tirano lo considera "un progetto che è partito quasi un anno fa e che la Regione ha riconosciuto come significativo al’interno di un programma culturale sulla parità (Universi Femminili).  Non solo una mostra, ma un progetto entusiasmante perchè quando ci si accinge a conoscere questa donna, tiranese di nascita, e poi cittadina del mondo a inizio secolo scorso, si scopre una personalità intraprendente, audace, generosa, sensibile, visionaria. Una donna che con umiltà ha saputo condividere con chi era più debole il proprio sapere e il proprio successo".


cristina culanti


Autore dal
18/06/2009