Treni: summit in Regione Lombardia
Treni: summit in Regione Lombardia

Summit in Regione Lombardia mercoledì prossimo, 14 novembre: il presidente Attilio Fontana incontrerà il ministro Toninelli e i vertici di Trenitalia, Rfi e Trenord. 

Per quanto concerne il piano di emergenza presentato ieri in Commissione consigliare dall’amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri, Fontana ha dichiarato "martedì ne discuteremo in Aula e dopo faremo le valutazioni anche per rispetto del Consiglio regionale". 

Nel merito di presunti tagli di alcune corse il presidente ha precisato che "gli autobus saranno utilizzati solo per corse che hanno meno di 50 passeggeri e in orari di non particolare utilizzo. Soprattutto non andremo ad incidere sulle tratte dei pendolari". 

"Diciamo le cose come stanno altrimenti è ovvio che sulla gente ha un impatto negativo. La situazione, purtroppo, è quella che è e i treni non si comprano al supermercato", la conclusione del Governatore della Lombardia.

 


Data: 09/11/2018
 
15/11/2018, 17:08
Attilio Fontana

La sua dichiarazione nel video:

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

15/11/2018, 09:48
"Trenord sarà una priorità"

"Trenord sarà una priorità per lo Stato, per la Regione Lombardia e per le Ferrovie dello Stato da qui al prossimo 2020".  Questa la dichiarazione del ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli e del presidente della Regione, Attilio Fontana, al termine della riunione che si è svolta ieri sera a Roma.

La nota congiunta:


cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

09/11/2018, 11:30
L’intervento dell’assessore Terzi

 "Il nostro obiettivo è quello di tutelare i pendolari. E in questa fase emergenziale ognuno deve assumersi le proprie responsabilità". Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, intervenendo in V Commissione durante l’audizione dell’amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri. “Regione Lombardia – ha aggiunto Claudia Maria Terzi - ha investito più di tutti, mentre la collaborazione di Trenitalia è sempre stata insufficiente e sono mancati gli investimenti sulla rete di Rfi. Per questi motivi, oggi ci troviamo in una situazione disastrosa evidente a tutti. Ciò nonostante ci abbiamo messo la faccia fin da subito e ci stiamo dando da fare per garantire un servizio ferroviario degno di questo nome”:

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009