Turismo alpino: più cooperazione e più imprenditorialità
Turismo alpino: pi cooperazione e pi imprenditorialit

La Svizzera scende dal 6° al 10° rango nel più recente "Travel and Tourism Competitiveness Report 2017" del WEFe per quanto riguarda la competitività relativa ai prezzi, uno dei vari criteri analizzati, la Svizzera occupa l’ultimo posto tra i 136 Paesi sottoposti all’analisi. Sono in particolare le destinazioni turistiche asiatiche ad aver aumentato la propria competitività. Thierry Geiger, responsabile del settore ricerca del WEF, ha fornito questa e altre interessanti informazioni relative alla pubblicazione del WEF sulla competitività internazionale del turismo. Anche se attualmente si denotano molti indizi a favore di una ripresa delle attività turistiche, l’aumento della competitività a livello internazionale rimane una sfida centrale per il turismo grigionese e a Davos il Consigliere di Stato Jon Domenic Parolini ha dato il benvenuto ai dirigenti del settore turistico ed economico al 3° dialogo sul turismo a margine del World Economic Forum (WEF). L’evento ha luogo all’insegna del motto "Ritorno ai vertici! Rafforzare la competitività del turismo svizzero."

"Sono necessari sforzi imprenditoriali maggiori per aumentare la competitività del turismo in Svizzera", una delle conclusioni e in merito al turismo alpino, un monito:: "Lo sviluppo positivo del turismo alpino deve essere utilizzata per sfruttare ulteriori sinergie, avviare progetti innovativi e promuovere la cooperazione tra le varie destinazioni".

(La discussione è avvenuta sotto la direzione di Ernst A. Brugger, presidente del Consiglio del turismo grigionese, Corinne Denzler, direttrice del Tschuggen Hotel-Group, Reto Gurtner, CEO di Weisse Arena AG, e il Consigliere di Stato Jon Domenic Parolini, direttore del Dipartimento dell’economia pubblica e socialità, hanno discusso in merito alle sfide e alle opportunità del turismo grigionese). 


Data: 31/01/2018