Dalla Provincia di Sondrio fondi per le aree terrazzate
Dalla Provincia di Sondrio fondi per le aree terrazzate

Contributi a fondo perduto per oltre un milione di euro concessi dalla Provincia a 65 imprese agricole per i danni subiti dalle aree terrazzate a causa della pioggia caduta nella primavera del 2013. 

Lo comunica il vice presidente della Provincia di Sondrio Christian Borromini, sottolineando che "la novità, positiva per gli agricoltori, è che i contributi sono stati aumentati del 18,45% e andranno a coprire il 45,45% dei costi sostenuti per il ripristino e la messa in sicurezza dei muretti a secco danneggiati dalla pioggia". 

Pari a 639 mila euro lo stanziamento di Regione Lombardia, che avrebbe garantito una quota di contributi pari al 27%, che assommati ai 436mila di fondi propri della Provincia, ha garantito l’incremento della somma.  

La dichiarazione di Borromini:

"La nostra volontà è stata quella di incrementare la dotazione finanziaria per aumentare i contributi per le aziende. Riteniamo doveroso sostenere un settore importante per la nostra economia e più in generale per il nostro territorio, poiché i terrazzamenti sono il nostro biglietto da visita, uno spettacolo straordinario e insieme una risorsa che abbiamo il dovere di difendere. Le imprese agricole stanno facendo moltissimo e meritano il nostro sostegno, il riconoscimento per un lavoro di cui beneficia tutto il territorio. È superfluo sottolineare come gli enti locali, la Provincia in special modo, siano in sofferenza, nonostante ciò il nostro impegno è massimo per soddisfare le esigenze del territorio. I soldi sono pochi e per questo motivo vanno utilizzati in maniera oculata, in particolare per risolvere le emergenze e questa lo è. Riteniamo che i soldi spesi per sostenere il nostro settore agricolo siano sempre e comunque soldi ben spesi".

I numeri: 

- 26 i comuni colpiti dalle piogge del 2013, di Bassa e Media Valtellina;

- 65 le imprese agricole proprietarie delle aree terrazzate coinvolte e che hanno chiesto i finanziamenti, perlopiù coltivate a vigneto. 

- a fronte di una spesa di 2,3 milioni di euro, otterranno oltre un milione di euro riuscendo a coprire il 45,45% della spesa sostenuta. 


cristina culanti
Data: 21/10/2015