Il turismo a LIVIGNO ? in crescita

La stagione invernale di Livigno ha dato ottimi risultati, incassando un 4,98% in più di presenze rispetto alla stagione precedente. 

La crisi economica internazionale non ha intaccato il turismo di Livigno: le presenze sono passate dalle 828.448 della stagione 2008/2009 alle 869.670 della 2009/2010. 

A conti fatti, più turisti italiani, un incremento del 7,24% ma anche più turisti stranieri, con più 4,11%. 

Una piccola contrazione per le presenze negli alberghi, un meno 1,10% mentre crescono i turisti che preferiscono soggiornare nelle strutture extra-alberghiere, più 15,95%. 

 

La permanenza media rimane sopra i 6 giorni (4,71 gli italiani e gli stranieri 6,77 giorni). 

Per quanto concerne gli arrivi, sono cresciuti complessivamente del 6,72%, passando dai 135.205 della stagione 2008/09 ai 144.297 della stagione 2009/10 e gli italiani fanno registrare un aumento più marcato (+9,23%) rispetto alla clientela straniera (+5,36%).

 

A livello nazionale si confermano i mercati tradizionali della località: al primo posto si conferma la Lombardia, in crescita del 27,44% rispetto alla stagione 2008/09 (da 67.787 a 86.389), seguita dal Lazio (+0,45%, da 26.694 a 26.815) e dall’Emilia Romagna (+2,24% da 22.048 a 22.541).

 

A livello internazionale la fa da padrona la Polonia che rafforza la propria leadership con un aumento delle presenze del 4,07% (da 134.938 a 140.430), seguita dalla Germania, nonostante un leggero calo dello 0,61% e dalla Repubblica Ceca che, con un incremento del 16,41%, passa da 65.459 presenze della stagione 08/09 alle 76.198 della stagione 09/10. 

Seguono nella classifica delle presenze a Livigno: Belgio, Danimarca, Regno Unito, Svizzera, Olanda, Lituania, Irlanda, Russia, Svezia, Slovacchia, Slovenia e il SudAfrica.


cristina culanti
Data: 22/06/2010