Olimpiadi 2026, VALTELLINA protagonista
Olimpiadi 2026, VALTELLINA protagonista

Il Coni considera Milano la città capofila, anche se sono tre le città italiane in lizza per ospitare le Olimpiadi Invernali 2026 e il Cio  ufficializzerà le candidature ad ottobre e, visionati i progetti, il 24 giugno 2019 la decisione sulla città organizzatrice dei Giochi. Milano, Torino (che non sembra però interessata) e Cortina d’Ampezzo (che sembra non avere le possibilità di costruire un villaggio olimpico) si affiancano ad altre sette città di altrettanti stati (l’Austria Graz, il Canada Calgari, il Giappone Sapporo, la Svezia Stoccolma, la Svizzera Sion e e la Turchia Erzurum) ad essersi candidate per ospitare i giochi. Ieri, a Bormio, c’è stato un incontro con Regione Lombardia definito "di grande condivisione" al quale hanno partecipato l’assessore regionale agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni, il sottosegretario ai grandi eventi sportivi, i sindaci dell’Alta Valtellina e il presidente della Comunità Montana Alta Valtellina.

La dichiarazione congiunta dell’assessore regionale alla Montagna e il sottosegretario ai grandi eventi:

"E’ stato un incontro costruttivo durante il quale sono emersi i molteplici aspetti positivi che un evento come quello delle Olimpiadi invernali 2026 potrà portare alla Valtellina, rinomata per la sua alta vocazione turistica. Siamo certi che questo territorio sarà in grado di mettere a disposizione esperienza,capacità professionali e infrastrutture idonee e già collaudate in occasione di manifestazioni nazionali e internazionali.

L’evento potrà essere occasione per ultimare e migliorare i collegamenti infrastrutturali su gomma e su ferro, oltre che ampliare l’offerta sciistica attraverso nuovi investimenti programmati nel prossimo futuro. Questo  è il primo passaggio importante, che vede tutti i rappresentanti istituzionali impegnati all’unisono per il raggiungimento dell’ambizioso obiettivo che auspichiamo verrà centrato, convenendo di esserne certamente all’altezza". 

 


Data: 22/05/2018
 
29/06/2019, 09:54
Traforo Mortirolo ORA

Le constatazioni di Paolo Oberti, Comitato Traforo Mortirolo Ora: "Evviva le Olimpiadi! Per il Mortirolo ora o mai più":

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

26/06/2019, 06:58
Milano - Cortina

Livigno esulta: "Ci uniamo ai festeggiamenti in tutta Italia :) condividendo le dichiarazioni della delegazione di Livigno a Losanna - la campionessa Michela Moioli, il sindaco Damiano Bormolini e il Presidente di APT Luca Moretti - che hanno appena assistito all’assegnazione dei Giochi Olimpici Invernali 2026 a Milano-Cortina. A Livigno si disputeranno tutte le gare di  Snowboard e Freestyle. Inoltre, è prevista la costruzione di un Villaggio Olimpico nell’area adiacente al centro sportivo e di benessere Aquagranda - Active You!"

E’ fatta, protagonisti delle Olimpiadi 2016 saranno Milano, Cortina e la Valtellina: lo sci alpino maschile sulla pista Stelvio di Bormio. 

Milano-Cortina per le Olimpiadi e le Paralimpiadi invernali 2026 (6-22 febbraio e 6-15 marzo). Costo stimato 1.3 miliardi di euro (400 milioni a carico del Cio), ricadute economiche positive sul Pil per 2.3 miliardi, possibilità di ricavi fino a 3 miliardi di euro dice la Bocconi.

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

26/06/2019, 06:56
Confindustria Lecco Sondrio

Il Presidente di Confindustria Lecco e Sondrio, Lorenzo Riva: "Il risultato è prima di tutto il frutto di un gioco di squadra, a dimostrazione dei risultati che il Paese sa ottenere quando punta sulle sinergie, quando sa fare sistema. La strada è tracciata: ora dobbiamo continuare in questa direzione dando spazio alle collaborazioni e impegnandoci tutti, ognuno per il proprio ruolo, per la buona riuscita e per massimizzare le ricadute di un appuntamento che è fra gli eventi acceleratori di crescita per eccellenza. Politiche per il turismo in senso ampio e proposta culturale saranno centrali e il loro sviluppo dovrà andare di pari passo.

Ma non dimentichiamoci che saranno migliaia le persone che dovranno raggiungere la Valtellina, attraversando anche la provincia di Lecco: ieri è iniziato il conto alla rovescia per affrontare il nodo nevralgico delle infrastrutture, ed è inutile dire che il loro potenziamento è un obiettivo che non solo il territorio ma il Paese non po’ mancare. Confido che finalmente ci saranno in campo risorse, economiche e progettuali, per dare una svolta e liberarci dal freno che oggi le nostre infrastrutture, materiali e immateriali, rappresentano, con evidenti benefici anche per il sistema produttivo.

La Strada Statale 36, ma anche la Lecco-Bergamo e il potenziamento delle linee ferroviarie, dovranno essere i punti centrali di un piano complessivo di manutenzione/miglioramento, da un lato, e sviluppo, dall’altro. La chance di sviluppo della nostra area è in questo caso eccezionale per la sua portata e gli imprenditori del territorio sono pronti a fare la loro parte per contribuire al successo dell’evento. Anche a noi saranno richiesti sforzi e investimenti, che sono sicuro non si faranno attendere. Ci saranno settori più direttamente interessati, ma il coinvolgimento del territorio dovrà essere corale per dare vita ad un’Olimpiade indimenticabile”.

Marco Rocca, Amministratore Delegato di Mottolino (Livigno): “Sicuramente si tratta di una bella e grande opportunità, di un’occasione unica ed irripetibile nella storia di una comunità come la nostra Per questo rappresenta quindi l’occasione per ragionare sul futuro e sulle strategie non solo del comparto turistico ma anche del territorio, dove l’economia turistica invernale rimane fortemente legata al settore degli impianti di risalita, volano anche per gli altri. Sei anni passano velocemente: il nostro auspicio è che si arrivi al 2026 pronti e dopo una attenta strategia di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle tematiche legate al turismo e alla sostenibilità anche economica dei progetti. I riflettori di tutto il mondo saranno puntati su di noi e noi dobbiamo essere bravi ad arrivare pronti sotto tutti gli aspetti, per presentarci al meglio e ottenere il massimo da questa chance”.

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

25/06/2019, 12:33
"Un rinascimento alpino"

"Nell’anno delle celebrazioni del cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, che ha portato bene all’Italia e alla candidatura del nostro Paese alle Olimpiadi invernali del 2026, anche la Valtellina vuole progettare il suo rinascimento alpino". 

La presidente dell’Unione del Commercio e del Turismo Loretta Credaro:

"Sono felicissima per questa sfida coraggiosa superata dall’Italia con l’impegno di tutti, Valtellina compresa. Un doveroso ringraziamento va dunque in particolare a alla politica, alle istituzioni e alle rappresentanze per aver reso possibile la straordinaria opportunità delle Olimpiadi invernali e delle Paralimpiadi del 2026. Un’occasione storica e senza precedenti per la provincia di Sondrio. Questo, però, è solo un punto di partenza che non può essere considerato tout court una vittoria, ma un’occasione eccezionale che dobbiamo cogliere in una visione d’insieme che sia anche lungimirante. Bisogna dunque lavorare sodo in un’ottica strategica, progettando uno sviluppo dei nostri territori non solo da qui alle Olimpiadi ma in una prospettiva di lungo periodo. Dopo l’iniziale e sacrosanto entusiasmo, credo che debbano prevalere la riflessione e il senso di responsabilità di fronte all’impegno che ci attende nel tradurre le Olimpiadi in un progetto trainante per l’economia nazionale e lombarda, compresa quella della nostra Valle, e in un salto di qualità per la Valtellina che ospiterà importanti gare e avrà quindi un ruolo da protagonista. E un ruolo da protagonisti in questa partita avranno, accanto al turismo, anche i settori del commercio e dei servizi quali fattori imprescindibili dell’accoglienza, ma sarà tutta l’economia della Valle ad avere l’occasione di entrare in un circolo virtuoso, se sapremo fare squadra e lavorare insieme, uscendo da una logica microterritoriale, per ottenere un obiettivo condiviso". 

La presidente di Valtellina Turismo Barbara Zulian:

"Questo incredibile successo, che all’inizio sembrava solo un sogno, è il coronamento di un lavoro di squadra – sottolinea - che ha visto impegnati tutti gli attori ai vari livelli in un progetto ambizioso, che si è fatto strada in un crescente spirito di condivisione. Uno sforzo a tutto campo, che ha delineato un metodo vincente e ha tracciato la direzione giusta da seguire, come dimostrano i numeri, i 47 voti ottenuti dall’Italia sui 42 necessari per passare, segno che la candidatura italiana non solo ha vinto ma soprattutto ha convinto. Quelli che ci attendono sono circa sette anni di grande lavoro per far sì che queste siano le Olimpiadi di tutta Valtellina e che tutta la Valle, insieme a Bormio e Livigno che sono le località più direttamente coinvolte, sia sotto i riflettori e faccia parlare si sé, delle sue bellezze paesaggistiche e ambientali, del suo mix di sport, benessere, storia, tradizioni, enogastronomia e cultura". 

il presidente di Federalberghi Sondrio Roberto Galli: 

"Un risultato entusiasmante, a cui il nostro territorio ha concorso anche con gli albergatori che, tramite l’Unione del Commercio e del Turismo e Federalberghi Sondrio, si sono fatti parte attiva - sottolinea - per garantire i posti letto necessari nel periodo da febbraio a marzo del 2026 per l’accoglienza della famiglia olimpica e paralimpica: per l’esattezza, circa 4mila camere nei 32 giorni interessati dai Giochi olimpici e mille camere nei 19 giorni di riferimento per i Giochi paralimpici. In pratica, si tratta di un numero di camere non inferiore al 60% per ogni singola struttura interessata. Un coinvolgimento decisamente significativo per gli albergatori. A tale riguardo, desidero rinnovare un forte ringraziamento a nome di Federalberghi Sondrio e di tutta l’Unione ai colleghi operatori della ricettività che hanno dato la propria disponibilità, che si è rivelata determinante per completare il dossier della candidatura italiana. Abbiamo dato prova di una Valtellina unita e compatta, anche se purtroppo, per i limiti impostici dal Coni, non ci è stato possibile coinvolgere la Valchiavenna, cosa di cui siamo dispiaciuti. Ricordo, tuttavia, che con il nostro intervento siamo riusciti almeno a estendere il raggio di interesse fino a ricomprendere i Mandamenti di Sondrio e Tirano, inizialmente esclusi. Le Olimpiadi e le Paralimpiadi invernali del 2026 saranno una grande opportunità per investire nelle nostre località turistiche e nella ricettività alberghiera, elevandone la qualità, ma ricordo che tra le priorità vi sono gli interventi per risolvere i problemi legati alla nostra viabilità".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

25/06/2019, 08:57
Regione Lombardia

L’assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia, Martina Cambiaghi: "Abbiamo lavorato per questo risultato e la vittoria e’ l’unico verdetto che ci aspettavamo. Abbiamo sempre creduto nel successo di Milano-Cortina: dossier, location e progetto Milano-Cortina erano superiori. Come assessorato allo Sport di Regione Lombardia abbiamo appena stanziati 9,4 per il comparto neve e nei prossimi anni confineremo ad investire sul comparto neve, solo il primo di una serie di interventi mirati che permetteranno di arrivare al 2026 pronti per i Giochi Olimpici".

L’’assessore regionale alla Montagna, Massimo Sertori: "Un grandissimo risultato, lasciatemelo dire, anche per la mia Valtellina. Un’opportunita’ eccezionale che ci darà la possibilità di far comprendere quanto unici siano questi territorio. Conoscendo la mia gente, sono certo che gia’ da domani ci metteremo al lavoro".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

24/06/2019, 17:22
Avanti col TRENINO Bormio - Cortina

Un trenino per lo Stelvio 

Rotary
Moderatore


Autore dal
11/09/2008

24/06/2019, 07:29
Oggi il verdetto

Un maxischermo in piazza Garibaldi a Sondrio trasmetterà la diretta Rai con la presentazione delle due candidature, video delle passate edizioni dei Giochi e immagini inedite dei nostri atleti, fino alle 18.00, quando ci sarà la proclamazione ufficiale da parte del Cio e la firma del contratto.

Per tutto il pomeriggio Piazza Garibaldi si animerà con la distribuzione di gadget e cappellini dedicati ai Giochi olimpici, musica, attività sportive organizzate dal CONI provinciale, degustazioni di prodotti tipici e il mercato “Campagna Amica” della Coldiretti.

Soddisfatto l’assessore di Regione Lombardia Massimo Sertori: “Nel sogno olimpico ci abbiamo creduto fin dall’inizio, come piazza Aulenti a Milano e piazza Dibona a Cortina, anche Piazza Garibaldi si trasformerà in una sede distaccata di Losanna per sostenere fino alla fine la candidatura italiana di Milano-Cortina. Tutti uniti sotto lo stesso cielo per seguire con le dita incrociate le fasi più salienti della cavalcata olimpica”.

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

03/04/2019, 13:34
Sopralluogo a Livigno

“Abbiamo riservato alla delegazione CIO una straordinaria accoglienza sotto la neve e la commissione è particolarmente soddisfatto per quello che stiamo mostrando”. E’ soddisfatto l’assessore con delega alla Montagna Massimo Sertori, che assieme al Sottosegretario ai grandi Eventi, Antonio Rossi erano presenti oggi a Livigno al sopralluogo con parte della Commissione di Valutazione del Comitato Olimpico Internazionale, accompagnata dal Presidente Malagò, nell’ambito del Tour dei siti inseriti nel masterplan dalla candidatura di Milano-Cortina per i Giochi olimpici invernali del 2026.

Le dichiarazioni

ROSSI: “Abbiamo prenotato la neve: la delegazione è arrivata sotto i fiocchi ed ha potuto vedere paesaggio e temperature invernali. Abbiamo lavorato tanto in questi mesi e le sensazioni sono buone le stesse che provavo quando gareggiavo. Un lavoro di squadra che ha ben in mente l’obiettivo e sta curando ogni minimo particolare per arrivare al meglio alla data. A livigno, come Regione Lombardia, puntiamo molto sell’Accordo di programma con il Comune per la realizzazione della piscina di 50 metri in acqua grande, che vorremmo che diventasse un centro di riferimento per gli atleti di alto livello. Qui a Livigno infatti l’atleta può allenarsi bene e distrarsi nei momenti di relax, pensare quindi non solo al fisico ma anche alla mente. Le autorità svizzere grazie al lavoro dell’Assessore Sertori hanno assicurato l’apertura durante il periodo olimpico del Passo della Forcola, così da far defluire gli spettatori anche da questo versante”. 

SERTORI: “Livigno è un posto straordinario come tutta la Valtellina e registro con grande soddisfazione il clima che si sta creando dietro al sogno olimpico. Sindaci e Cittadini sanno cosa può offrire a tutto il mondo. Anche il coinvolgimento degli svizzeri è una cosa inedita che determina il clima positivo intorno alla candidatura italiana.

Regione Lombardia indipendentemente dalle Olimpiadi, ha investito molto e continuerà ad investire nei territori montani, che costituiscono il 40% del territori, e in Valtellina e Valchiavenna. Abbiamo migliorato i collegamenti tra Milano e la Valtellina: è di qualche mese fa l’inaugurazione della tangenziale di Morbegno, la tangenziale di Tirano è già completamente finanziata e sarà pronta molto prima del 2026.  Ora Regione e Governo si stanno concentrando sul completamento della tangenziale di Sondrio. Quest’ultima infrastruttura renderà più veloce e sicuro il collegamento della Valtellina a Milano e l’Italia.

Le Olimpiadi sotto questo punto di vista sono uno straordinario acceleratore verso opere la quale utilità rimarrà anche dopo l’evento. C’è ancora molto lavoro da fare e vogliamo accogliere questa straordinaria opportunità. Abbiamo tutte le caratteristiche per poter fare bene e portare a casa le Olimpiadi Invernali del 2026. Una occasione straordinaria per Milano, Cortina e tutti i valtellinesi saranno in grado di dare lustro a tutta l’Italia”.

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

21/03/2019, 14:48
Il CONI agli albergatori

Olimpiadi 2026: gli albergatori sono invitati a rispondere al Coni entro il 31 marzo

Il Comitato Olimpico ha inviato una comunicazione alle strutture alberghiere 

per preparare il terreno all’importante evento internazionale

Il presidente di Federalberghi Sondrio Roberto Galli sensibilizza gli operatori: Per la Valtellina si tratta di un coinvolgimento decisamente significativo, in quanto nel periodo da febbraio a marzo compreso del 2026 verranno occupate circa 4mila camere nei 32 giorni interessati dai Giochi Olimpici e mille camere nei 19 giorni di riferimento per i Giochi Paralimpici. Garantire l’accommodation della famiglia olimpica – precisa Galli – implica sostanzialmente destinare il proprio albergo ai Giochi, riservando un numero di camere non inferiore al 60% sul totale di ogni singola struttura. È dunque fondamentale che anche noi albergatori facciamo la nostra parte, così come tutti gli altri attori attivi sul territorio e interessati a questa manifestazione di caratura internazionale”.

 

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

22/01/2019, 12:15
Olimpiadi e GIOVANI

Si è riunito ieri, lunedì 21 gennaio a Palazzo Lombardia lo ’Sporthub Mentoring Visit’, un tavolo ristretto per parlare con istituzioni e stakeholder di sport come volano di sviluppo socio-economico per accrescere la consapevolezza nella società e nella promozione del territorio e favorire la collaborazione tra istituzioni e società civile. Hanno partecipato, Antonio Rossi, sottosegretario ai Grandi Eventi Sportivi della Regione Lombardia, Mike Coyne, direttore dello studio europeo su Sport e Fondi Strutturali, Valerio Giovannini, public affairs e coordinatore di progetti europei UEFA e Michele Sciscioli, capo Ufficio Sport, Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La dichiarazione del presidente Attilio Fontana:

"Quando pensiamo allo sport non dobbiamo guardare solo alle Olimpiadi ma anche e soprattutto allo sport di base. Si deve ripartire dalle scuole, migliorando ed implementando la pratica tra i giovani per fare in modo che lo sport ritorni ad essere un mezzo attraverso il quale potere realizzare le proprie ambizioni, poter trascorrere ore piacevoli e dove migliorare la propria condizione sia fisica, sia di crescita personale. La presenza delle scuole e delle università, qui, al tavolo ’Sporthub Mentoring Visit’, è un segnale importante. In una società come quella attuale i valori che trasmette lo sport, dal conoscere i propri limiti al saper accettare la sconfitta e rispettare gli altri, devono essere presi in grande considerazione perché l’eccessivo individualismo rischia di creare dei danni allo sviluppo della nostra comunità". 

La dichiarazione di Martina Cambiaghi, assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia:

"I ragazzi vanno su un campo di calcio, su una pista di atletica o in una piscina per frequentare corsi, camp, stage. Non c’è spontaneità, non c’è passione. Chi, come noi, punta alle Olimpiadi deve cominciare o ricominciare da qui. E’ necessario tenere sempre aperti gli impianti per permettere ai ragazzi di entrarci: rendendoli gratuiti, allegri e attrattivi. A dicembre  abbiamo chiuso un bando da 8 milioni di euro per gli impianti sportivi. Poche settimane prima abbiamo invece chiuso un bando da 3,2 milioni di euro dedicato alle attrezzature. A questo si aggiungono l’aiuto per gli impianti sciistici e per l’innevamento e tanti progetti dalla ’Dote Sport’ a ’Sportout’, senza dimenticare ’a Scuola di Sport’, per un totale di 20 milioni di euro che solo per il 2018 Regione Lombardia con il mio assessorato ha messo sul tavolo.

La mia speranza - ha concluso Martina Cambiaghi - è che il tavolo convocato oggi possa portare a soluzioni concrete perché a giugno avremo la decisione del Comitato internazionale olimpico e tra sette anni potremo, come tutti sperano, con Milano e Cortina, ospitare le Olimpiadi. Un’occasione importante per cambiare rotta e riportare i ragazzi non ad essere campioni ma a vivere di sport".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

11/01/2019, 16:41
Il dossier piace al CIO

"Noi guardiamo in casa nostra, non ci interessa cosa sta accadendo agli altri. Andiamo avanti con il nostro dossier e, ne sono convinto, avremo buone possibilità di vincere, perché siamo forti e non perché gli altri contendenti sono deboli". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo sulla candidatura di ’Milano-Cortina 2026’ a margine della presentazione del progetto ’Madecc’, avvenuta oggi al Politecnico di Milano. Il presidente Fontana ha ricordato che "il dossier presentato in queste ore a Losanna è molto bello e competitivo e piace anche al Cio".  Sui tempi della decisione finale il governatore ha confermato che, a meno di ritiri o esclusione, se ne parlerà a giugno. 

Il contenitore con 40 chiavette con tutti i documenti richiesti, partito da Milano giovedì 10 gennaio con il treno delle 19:23, è da oggi a disposizione del Presidente del CIO Thomas Bach. "I Giochi Olimpici della sostenibilità ecologica e finanziaria, degli impianti al 93% esistenti, degli scenari che solo le montagne dolomitiche sanno offrire – ha sottolineato in una nota il Comitato -, le Olimpiadi di nuova generazione in cui la città incontra la montagna e viceversa, sono ora pronte alla volata che porterà al voto di fine giugno". "Con la firma del Governo – si conclude - non ci sono solo le due regioni (Lombardia e Veneto), ma un intero Paese a sostenere e alimentare un sogno". 

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

13/12/2018, 15:44
Verso la conquista dei Giochi

Vertice a Palazzo Chigi sulla candidatura di Milano-Cortina ai Giochi Olimpici invernali del 2026 e Attilio Fontana, Governatore della Lombardia, ne è certo: "Se l’unione fa la forza, allora possiamo di essere davvero una squadra che ha tutti i requisiti per centrare l’obiettivo". "Non guardiamo agli avversari ma, - continua - in perfetto stile Lombardo-Veneto, continuiamo a lavorare con serietà e concretezza per conquistare le Olimpiadi 2026. Anche con il Governo il dialogo prosegue spedito, dietro la nostra candidatura c’è il sostegno di un intero Paese che comprende come la portata di un evento di questo genere possa garantire benefici per tutti".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

21/11/2018, 14:43
Next Stop? #InLombardia

E’ iniziata la promozione con un bus itinerante, un viaggio lungo 10.000 chilometri in Europa per far conoscere e apprezzare a livello internazionale le eccellenze turistiche della Lombardia. Il senso di ’Next Stop? #InLombardia’, iniziativa presentata ieri in Regione Lombardia, alla presenza del presidente Attilio Fontana, dell’assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda Lara Magoni e del direttore esecutivo di Enit-Agenzia Nazionale del Turismo, Gianni Bastianelli.

LE TAPPE 

Un bus ricco di totem multimediali e  schermi che creeranno l’illusione di un viaggio virtuale a 360° tra le bellezze e i paesaggi lombardi, wall photoboot caratterizzati dalle immagini più rappresentative della Lombardia.

4 le tappe: 

il 23 e 24 novembre Innsbruck,  in Austria (Dez Shopping Mall);

il 30 novembre e il 1 dicembre in Germania all’Olivandenhof-Globetrotter di Colonia; 

l’’8 e il 9 dicembre nel quartiere King’s Cross di Londra; 

il 15 e 16 dicembre a Parigi, con la fermata al Carre Senart: 



cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

11/10/2018, 11:46
Candidatura REALE

Ufficializzazione della candidatura di Milano e Cortina alle Olimpiadi invernali del 2026 da parte del Cio, il Comitato Olimpico Internazionale riunito in Argentina.

"La candidatura di Milano e Cortina è ufficiale. Sono davvero soddisfatto. Ora al lavoro!Uniamo le forze per centrare un obiettivo importantissimo non solo per la Lombardia e il Veneto ma per tutta Italia". Fontana a Mosca ha incontrato il governatore della Regione di Mosca, Andrei Vorobyev: "Possiamo dire che è iniziato il percorso internazionale mirato a far comprendere la bontà e l’alto livello qualitativo della nostra candidatura alle Olimpiadi invernali del 2026. A lui e agli altri rappresentanti istituzionali russi ho spiegato i punti cardine della nostra proposta evidenziando come Milano, la Valtellina e Cortina, e più in generale la a Lombardia e il Veneto siano il territorio ideale per questo evento". 

"Il modello da applicare, per le relazioni internazionali- ha concluso il presidente - è quello utilizzato da Letizia Moratti per la candidatura a Expo 2015 con un grande impegno in prima persona di tutti i rappresentanti istituzionali e di tutti coloro che possono dare un contributo al raggiungimento dell’obiettivo".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

29/09/2018, 08:30
Fuori Torino ma...

Il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana: "Milano e Cortina sono due realtà di eccellenza, e se a loro affianchiamo anche la Valtellina diamo un ulteriore, importante, valore aggiunto alla nostra candidatura. Nessun’altra candidatura può offrire un pacchetto così bello e composito".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

02/08/2018, 08:07
Presentato il master plan

Il consiglio nazionale del Coni ha deciso, la candidatura italiana per le Olimpiadi 2026 è forte di tre città e quattro regioni coinvolte e anche la Valtellina è protagonista: il master plan contempla a Bormio lo svolgimento di 4 discipline, ossia Biathlon, Freestyle, Sci Nordico e Snowboard. Il budget è pari a 376,65 milioni di euro per la candidatura unitaria, con costi inferiori a quelli di ciascuno dei singoli studi di Milano, Torino e Cortina. 

Dove e cosa: 

- Milano: curling, pattinaggio di figura, short track, hockey femminile;

- Torino: pattinaggio di velocità, hockey su ghiaccio maschile;

- Sestriere: slalom speciale di sci alpino;

- Cortina: Bob, Skeleton, Slittino, Sci Alpino;

- Val di Fiemme: due discipline Salto, Combinata nordica.

(Tre le medal plaza, a Milano, Torino e Cortina).

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

31/07/2018, 08:46
Sarà Milano

E’ prevista per oggi, martedì 31 luglio  la riunione della commissione competente e domani alle 15.00 il verdetto: il Consiglio nazionale del Comitato Olimpico voterà. Ma sembra ormai certo: Milano sarà la città candidata alle Olimpiadi Invernali del 2026.

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

20/07/2018, 09:29
Valtellina Turismo

"OLIMPIADI, un’opportunità unica per promuovere la destinazione Valtellina"

La dichiarazione di Barbara Zulian, presidente di Valtellina Turismo: "Anche Valtellina Turismo si impegna a sostenere con forza la collaborazione della Valtellina con Milano, un’alleanza che riteniamo vincente tra il capoluogo lombardo, riappropriatosi anche grazie all’effetto Expo del suo ruolo di polo economico-finanziario internazionale, e la nostra provincia interamente montana, conosciuta e sempre più apprezzata per le sue straordinarie bellezze ambientali e paesaggistiche. Come già evidenziato dalla Regione e dal Comune di Milano, si tratta di una candidatura solida e autorevole. Una proposta che nella sua puntuale articolazione e versatilità intende presentarsi in piena sintonia con i requisiti richiesti dal Coni, promettendo di esaltare le caratteristiche delle realtà coinvolte, in un’alchimia foriera di grandi opportunità. Senza contare che il coinvolgimento di Sankt Moritz si profila anch’esso come di notevole prestigio e valenza internazionale, nonché di grande importanza nei rapporti con la vicina Svizzera.

Sarebbe innanzitutto un potente volano per il posizionamento della destinazione Valtellina sul mercato globale, con una risonanza senza precedenti per il nostro brand. Ma accanto ai più immediati benefici dal punto di vista della promozione e del marketing, vi sarebbero tutti gli interventi destinati ad accompagnare un evento di così grande richiamo e rilevanza mondiale. A partire dagli investimenti nelle infrastrutture, con la prospettiva di importanti migliorie per la viabilità sia su strada sia su rotaia, per non parlare del potenziamento degli impianti sportivi, dei servizi legati all’accoglienza e all’ospitalità, delle opportunità di incrementare l’occupazione e di offrire nuove prospettive ai giovani, dal punto di vista sia della pratica sportiva sia delle possibilità di lavoro». In una formula, un’occasione unica sia per accrescere l’appeal turistico della Valtellina sia per consolidare un metodo di lavoro basato sullo spirito di squadra e destinato anch’esso a dare buoni frutti in una prospettiva di lungo periodo. A tale proposito, si coglie l’occasione per ringraziare Regione Lombardia e gli assessori Lara Magoni (Turismo, marketing territoriale e moda) e Massimo Sertori (Enti locali, montagna e piccoli comuni), che stanno sostenendo fattivamente questa candidatura".

 

 

 

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

17/07/2018, 09:50
Presentata la candidatura di Milano e Valtellina

Ieri pomeriggio a Roma, presso la sede del Coni Roberta Guaineri, assessore al Turismo, Sport e Qualità della vita del Comune di Milano, e Antonio Rossi, Sottosegretario con delega ai grandi eventi sportivi di Regione Lombardia, hanno presentato la candidatura di Milano a ospitare i Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali del 2026.

Il resoconto:

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

12/07/2018, 11:19
La VALTELLINA è pronta... forse!

Il mondo delle categorie produttive unito e coeso nell’appoggiare con forza la candidatura di Milano e della Valtellina:

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

08/07/2018, 16:15
News

Domani, lunedì 9 luglio il Coni deciderà chi fra Torino, Milano e Cortina sarà la candidata italiana per l’organizzazione dei Giochi Olimpici Invernali 2026. Il Comitato Olimpico Internazionale deciderà a chi assegnare questi Giochi nel settembre del prossimo anno nella sessione che si svolgerà a Milano.

In merito alle tre candidate italiane Gianfranco Kasper, presidente della Fis: “Milano è nel mio cuore, ma la decisione sulla scelta spetta comunque al Coni”.

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

04/07/2018, 07:57
Dossier spedito

La dichiarazione del sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia con delega ai Grandi eventi sportivi, Antonio Rossi (rispondendo in Aula consigliare ad una mozione a favore della candidatura di Milano come sede per le Olimpiadi invernali del 2026): "Abbiamo lavorato fattivamente in questi mesi insieme al comune di Milano e ai comuni della Valtellina: speriamo che la candidatura della Lombardia possa essere vincente". "Oggi (ieri per chi legge) il Comune di Milano invierà il dossier in merito alla tabella di marcia che rimane da percorrere verso l’assegnazione dei Giochi invernali del 2026. Governo e Coni entro luglio decideranno con quale città presentarsi. Nell’ottobre 2018 a Buenos Aires saranno presentate le candidature ufficiali. Poi, il Cio, a Milano nel settembre 2019, deciderà la sede ufficiale".

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009