VALMALENCO sensoriale con Altro Festival
VALMALENCO sensoriale con Altro Festival

Date dell'evento:
05 Ottobre 2019
06 Ottobre 2019

Esperienze in cammino in Valmalenco grazie ad Altro Festiva! Il 5 e 6 ottobre la montagna va in città e regala la sensazione di provare ad osservare il mondo con occhi diversi immersi nella natura, esperienze per risvegliare il rapporto innato con l’ambiente e tanto altro. 

Un evento diffuso e ogni viandante potrà scegliere il proprio sentiero: boulder e arrampicata, racconti d’autore, percorsi di scoperta, musica e sapori, esperienze in natura o semplicemente cammino. Si parte da Sondrio per risalire la Valmalenco fino a Chiareggio al cospetto del Disgrazia, a piedi o in bicicletta e lungo il sentiero Rusca e lungo la via ci saranno appuntamenti diffusi, incontri e spazi inesplorati.

(La manifestazione si terrà anche in caso di maltempo). 

Gli eventi 

Pic-nic diffuso. 

Silent disco. 

Street boulder nelle contrade. 

Boulder meeting lungo la strada Cavallera - Sentiero Rusca. 

Percorso di esperienza sensoriale nel bosco con Andrea Mori. 

Sculture di pietra in equilibrio sul greto del Mallero, performance e laboratorio di stone balancing con Andrea Mei. 

Percorsi di scoperta sulle suggestioni dal vademecum dell’errante. 

"100 Storie" con Gianni Manfredini. Raccolto di storie in natura. 

Esibizioni e laboratorio di slack-line con Slackline Bologna. 

Concerto di Handpan con Paolo Borghi. 

Tyrollienne e guadi, scoperta delle pareti dello Scerscen con Guide Alpine Valmalenco. 

Concerto di musica Klezmer con Baraccone Express. 

"Racconti attorno al fuoco" e "Racconti in cammino"con Franco Michieli, Davide Sapienza e Andrea Mori. 

"Montagna e cambiamenti climatici" con Riccardo Scotti Servizio Glaciologico Lombardo.


Data: 18/09/2019
 
09/10/2019, 13:42
Racconti in cammino

Il resoconto:





cristina culanti


Autore dal
18/06/2009

27/09/2019, 11:35
Le carte sono tutte in regola

Le impressioni di Michele Comi, uno dei promotori del festival: “Il festival nasce circa un anno fa, con lo scopo di promuovere la percezione della natura valtellinese, muovendosi a piedi o in bicicletta. Questo percorso, durato ormai dodici mesi, ci ha portato ad individuare un’arteria principale che va’ dalle sorgenti del Mallero fino alla confluenza dello stesso nell’Adda. Un tratto di montagna dimenticata che solitamente viene percorsa in auto, nella quale abbiamo ideato un suggerimento di percorso per tutte le gambe ed età, dove ognuno possa trovare il proprio ritmo e attitudine.

Un evento che vuole far pensare al futuro della Valmalenco, che mi piace immaginare possa essere vissuta anche in maniera diversa rispetto al recente passato. Un’opportunità complementare rispetto alle numerose iniziative esistenti, ma che sia in grado di coinvolgere indistintamente residenti e ospiti, appassionati della montagna o della natura. Essendo l’edizione zero le aspettative sono semplici. L’adesione spontanea di duecento studenti delle scuole di ogni ordine e grado della Valtellina e dei loro insegnanti è stata una piacevole sorpresa; tutto quello che verrà in più ci renderà felici, è importante ricordare che la manifestazione è pensata ed organizzata per svolgersi con qualsiasi condizione meteorologica. I contatti percepiti ed avviati fanno ben sperare per la buona riuscita”.

cristina culanti


Autore dal
18/06/2009